curiositā

Come nasce un logo

Il simbolo della tregua olimpica nasce in un assolato giorno del giugno 2002, a Pracatinat, in occasione dell'ultimo territoriale del primo corso per Team Leaders (organizzato da PeaceWaves per il progetto di volontariato olimpico Ragazzi del 2006), quando per la prima volta ci fu chiesto di pensare "in grande".

Eravamo divisi in vari gruppi, ognuno dei quali si sarebbe occupato di un progetto: al mio gruppo fu assegnata la Tregua Olimpica, argomento di cui nessuno di noi aveva mai sentito parlare prima.

Avevo a disposizione l'appello per il rispetto di quest'ultima e mi colpirono in particolare il primo ed il settimo obiettivo, che puntano alla "sospensione di tutte le attivitā militari nel periodo dei Giochi Olimpici e Paralimpici estivi ed invernali, pena l'esclusione dagli stessi" e "che nelle prossime risoluzioni dell'ONU a favore della Tregua Olimpica la durata di questa sia estesa anche a tutte le Paralimpiadi".

Pensai che, se avessi dovuto rappresentare la Tregua Olimpica, momento di pace tra i popoli, lo avrei fatto ricorrendo a tre simboli:

  • quello delle olimpiadi, i cinque cerchi che rappresentano i cinque continenti. La scelta di "spezzettare" i cerchi in molte parti non č stata causale: non č stata dovuta solo al fatto che i cinque cerchi siano un marchio registrato e protetto da copyright da parte del CIO, ma vuole rappresentare anche il cammino che dobbiamo percorrere per raggiungere gli obiettivi del progetto Tregua Olimpica, quante ancora siano le tappe da unire tra loro per arrivare al traguardo. 

  • quello meno noto ma non meno importante delle Paralimpiadi, ossia le tre gocce che rappresentano la mente, lo spirito ed il corpo.

  • infine, a legarli indissolubilmente, il simbolo della pace.

Roberta Blanc
Ideatrice del logo della Tregua Olimpica